Le belle statuine – Piero Giarda

Con questo articolo inizio una collaborazione con il settimanale Tempi, per il quale curerò il blog “Le belle statuine

Dici “spending review” e dai l’impressione agli amici di aver fatto un cazzutissimo corso accelerato da giornalista economico. Parli di “tagli alla spesa” e gli stessi amici ti sorridono compiacenti, perché hai tirato fuori una formula che vince facile. Magari si chiedono in cuor loro se stai meditando di candidarti alle prossime amministrative con Beppe Grillo. In ogni caso, discettare di cose politiche utilizzando l’argomento del momento, ti dà quell’aria vissuta e stazzonata di chi è abituato a passare le proprie serate discettando di Wittgenstein nei pub del quartiere.
Una posa che possono assumere 59 milioni e spicci di italiani. Tutti tranne uno: Piero Giarda. È il ministro per i Rapporti con il Parlamento l’uomo incaricato da Mario Monti di procedere all’elaborazione di una proposta organica di tagli alla spesa pubblica. Una missione tanto ingrata quanto complicata, sulla quale il governo si gioca buona parte di una credibilità in costante e continua erosione. Fatto sta che Giarda da alcuni mesi si starebbe applicando sul tema. Ma, probabilmente, solo la sera nei pub intorno a Palazzo Chigi. E senza neppure avere un’esatta cognizione su chi sia esattamente il filosofo austriaco.

Continua su Tempi.

About these ads


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 7.966 follower