La paccata della Fornero

“Si continua a parlare di aria fritta, non mi sembra che ci siano tante novità all’orizzonte”. Nonostante la lettura disincantata di Roberto Maroni, la trattativa sul mercato del lavoro potrebbe essere ad un punto di svolta. Se è vero che non sono ancora chiarissimi i termini di un possibile accordo tra il ministero del Lavoro e la parti sociali, i prossimi giorni potrebbero essere decisivi per capire chi ha intenzione di lavorare fino all’ultimo istante disponibile per siglare un accordo e chi, al contrario, è pronto a sfilarsi.

Il ministro Elsa Fornero da un lato ha rinviato la discussione sull’articolo 18 alla settimana prossima, dall’altro ha fissato alcuni paletti. La trattativa si dovrà concludere entro il 23 marzo, una settimana prima di quanto avevano previsto – e sperato – sindacati e Confindustria. Ma la vera novità è la riforma degli ammortizzatori sociali. Niente più cassa integrazione in caso di mobilità, sostituita da una “assicurazione sociale per l’impiego” sul modello di quella tedesca. Vale a dire circa mille euro al mese per chi viene licenziato per l’anno successivo.

Continua su Notapolitica.

About these ads


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 8.383 follower